Ambiente

Gestione rifiuti aziende: come funziona e a chi rivolgersi

Contenuto curato da energetico

La gestione dei rifiuti in azienda a volte può risultare una cosa non facile da fare in proprio e per questo, ci si potrebbe riferire ad una serie di esperti e di società che potranno aiutare sicuramente nelle attività di smaltimento dei rifiuti. Se vi state occupando di un’azienda e state cercando aiuto nello smaltimento dei rifiuti a Firenze, allora è bene cercare gli esperti facendo riferimento a tutta una serie di parametri, o tariffe di categoria. La gestione dei rifiuti per aziende richiama tutta una serie di caratteristiche e di obblighi che è bene tener presente. Infatti, innanzitutto sarà necessario definire i rifiuti. Secondo la normativa vigente, quando si parla di gestione rifiuti, i titolari di una determinata azienda devono trattare rifiuti in base alla loro categoria di appartenenza.

La cosa fondamentale sarà quella quindi identificare il tipo di rifiuto prodotto e di agire di conseguenza. Le aziende devono necessariamente e obbligatoriamente denunciare una serie di rifiuti pericolosi che potrebbero produrre nonché denunciare anche oli esausti che producono con la loro attività.

Per quanto riguarda invece il collettivo di sostanze problematiche o prodotti al di sotto di una certa soglia, non è obbligatorio denunciarli, quanto piuttosto bisognerà seguire tutta la normativa in materia per fare in modo che lo smaltimento avvenga secondo quelli che sono gli obblighi di legge. Innanzitutto, chi detiene dei rifiuti pericolosi oppure oli esausti, deve compilare sempre una bolla di accompagnamento prima di cessare qualunque tipo di rifiuto e prima di autorizzarne l’invio all’impianto di raccolta o di trattamento. È necessario procedere con la compilazione di tutti i documenti e poi, così come stabilito dal 2013, si può anche fare una comunicazione telematica per stabilire quale sarà l’iter speciale.

Ci sono anche degli obblighi di denuncia che riguardano il trattamento di rifiuti all’interno dell’azienda, nonché degli obblighi generali di registrazione che riguardano invece specifici tipi di rifiuti ed i regolamenti che li caratterizzano. Deve esserci nelle aziende in ultimo, un responsabile della gestione dei rifiuti soprattutto quando si parla di un’azienda di almeno 100 dipendenti e poi deve essere anche organizzato una sorta di “business plan”, ovvero un piano di gestione dei rifiuti che garantisca quali sono tutte le procedure da seguire e tutti i singoli passaggi che aiuteranno a coordinare bene questo delicato settore della vita aziendale. Ogni azienda per evitare di incorrere in sanzioni o addirittura in denunce anche di natura penale, deve rispettare tutte le norme che riguardano lo smaltimento dei rifiuti e coprire costi che variano a seconda del territorio di competenza.

Lascia un commento