Ambiente

Raccolta differenziata Milano: il capoluogo lombardo tra le migliori città d’Europa

Contenuto curato da energetico

Le politiche ambientali a Milano si muovono, negli ultimi anni, verso una maggiore sostenibilità e tutela ambientale, con una particolare attenzione alla gestione e allo smaltimento dei rifiuti.

Grazie all’utilizzo di tecnologie innovative e ad un forte impegno verso la sensibilizzazione dei cittadini sull’importanza della corretta gestione dei rifiuti, Milano è la seconda città migliore d’Europa per la raccolta differenziata. La percentuale di rifiuti riciclati è infatti superiore al 50%, conquistando così la medaglia d’argento delle città che differenziano di più dietro Vienna.

Un impegno verso la sostenibilità che si conferma ancora attraverso la pianificazione di politiche ed azioni volte al miglioramento della percentuale di rifiuti riciclati. All’inizio del mese di ottobre, si è dato avvio alla raccolta differenziata nei mercati comunali scoperti in 24 mercati del comune di Milano, con l’obiettivo di estendere l’iniziativa a tutti i quartieri della città.

Per il 2018 è prevista l’installazione di smart bins, ossia cassoni per la spazzatura dotati di microchip che consentono di monitorare quando sono pieni. Entro il 2018 è prevista l’installazione di 15 mila “cassoni intelligenti” dislocati nel capoluogo lombardo.

Un balzo verso la sostenibilità intrapreso solamente di recente che però. Grazie ad una forte azione amministrativa e alla collaborazione dei cittadini, ha visto raggiungere risultati notevoli in breve tempo. Si pensi che ne 2012, la percentuale di rifiuti differenziati ammontava al 32%. Con l’inizio della raccolta differenziata porta a porta, Milano è arrivata oggi ad essere una delle città migliori d’Europa per quanto riguarda la gestione dei rifiuti.

Obiettivo entro il 2021 è raggiungere il 65% dei rifiuti differenziati e riciclati

L’obiettivo – come afferma l’amministratore delegato di A2A, la società che controlla Amsa – è quello di arrivare nel 2030 al totale recupero dei rifiuti, con una percentuale di riciclo del cento per cento.

Il caso di Milano e le azioni messe in pratica al fine di aumentare la quantità di rifiuti raccolti tramite differenziata hanno catturato l’attenzione dell’assessorato all’ambiente della città di New York che, seguendo il modello milanese, punta a raggiungere entro il 2030 il totale recupero dei rifiuti tramite differenziata.

Per Milano invece l’obiettivo a breve termine è quello di raggiungere la quota del 65% di rifiuti differenziati e riciclati entro il 2021. Obiettivo che si prospetta di facile raggiungimento grazie anche alla mentalità dei cittadini. La collaborazione degli abitanti di Milano si è rivelata fondamentale al fine di raggiungere risultati così sorprendenti entro poco tempo.

Lascia un commento