Energia

Come leggere le classi energetiche e scegliere l’asciugatrice giusta

Contenuto curato da energetico

Se sei alla ricerca di un elettrodomestico saprai che ogni modello ha una sua sigla che identifica la classe energetica.
Questo elemento ha un ruolo importante nella scelta dell’asciugatrice visto che ne indica il consumo.
Ma che cosa significa esattamente? Continua a leggere questa guida se vuoi sapere meglio che cosa sono e come funzionano le classi energetiche e come puoi analizzarle nella scelta della tua asciugatrice

Le classi energetiche, cosa sono e come funzionano

Gli elettrodomestici consumano energia elettrica e oggi, che si considera molto importante il risparmio energetico e l’efficienza dei consumi, fare attenzione alle classi energetiche è fondamentale.
A partire dal 2013 l’etichetta energetica delle asciugatrici indica la classe con le lettere che vanno da A+++ fino a D.
Chiaramente la più efficiente è la classe A+++, con i progressi della tecnologia circa il 90% delle asciugatrici appartiene alle classi A+, A++ e A+++. 

La scelta dell’asciugatrice, consigli e suggerimenti

Sicuramente chi ha deciso di acquistare questo elettrodomestico deve puntare alla classe energetica più elevata e, possibilmente, alla migliore asciugatrice a+++.
In questa categoria rientrano modelli come la AEG T8DBE851, un’asciugatrice a libera installazione e carica frontale con una capienza di 8 Kg che si caratterizza per la classe energetica A+++.
In termini concreti il consumo energetico dell’asciugatrice AEG T8DBE851 è di circa 177 kW all’anno.
L’efficienza energetica più elevata in questo caso è stata ottenuta grazie ad una nuova tecnologia, la Sensidry, che sfrutta alcuni sensori per abbassare la temperatura media e quindi minimizzare i consumi.
Oltre a questo modello alcuni tra i migliori sono la Beko DRY833CI, sempre di classe energetica A+++, e la LG RC80U2AV4Q, di classe A+++.
L’asciugatrice Beko ha un consumo annuale pari a 157,7 kW all’anno.
Il marchio, infatti, risulta tra i più efficienti al momento in vendita sul mercato. Invece, il modello della LG ha un consumo annuale di 175 kW.
Tutti questi modelli hanno in comune una cosa, la presenza di tecnologie molto avanzate e studiate nei minimi dettagli per garantire ai consumatori l’efficienza che cercano in questo tipo di elettrodomestico. 

I vantaggi di scegliere un’asciugatrice efficiente

Le asciugatrici di classe energetica elevata hanno senza dubbio un costo molto più alto rispetto ad altri modelli. L’acquisto di un’asciugatrice efficiente a livello di consumi energetici ha tuttavia senza dubbio molti vantaggi.
Il primo è quello di minimizzare i consumi di elettricità e, quindi, alleggerire la bolletta elettrica. Il secondo, invece, è quello di rispettare maggiormente l’ambiente visto che si richiede un minor quantitativo di energia.
Il terzo vantaggio riguarda l’usura dell’elettrodomestico, la tecnologia presente nei modelli di asciugatrice ad alta efficienza energetica permette di rispettare di più il macchinario a livello meccanico così da prolungarne l’operatività nel tempo.

Se davvero hai deciso di acquistare un’asciugatrice la cosa migliore è di optare per un modello che abbia un’efficienza energetica elevata, possibilmente quella migliore, la A+++.
Come abbiamo potuto evidenziare, infatti, non solo l’impatto in termini di costo sulla bolletta risulta inferiore ma anche l’usura dell’elettrodomestico è minore.
L’essenziale è che per un investimento tanto importante come l’acquisto di una asciugatrice si scelga un modello con prestazioni elevate a livello energetico. In caso contrario infatti il rischio è quello di risparmiare sul costo, ma spendere di più sul lungo termine.

Lascia un commento