Energia

Risparmiare e essere attenti alla natura scegliendo fonti di energia rinnovabile

Contenuto curato da energetico

Il consumo di energia è enormemente cresciuto, e continuerà a crescere in misura esponenziale, con la costante evoluzione che comporta un fabbisogno energetico sempre più elevato. È un argomento del quale, nell’ultimo secolo ma ancor di più negli ultimi due decenni, si parla molto da diversi punti di vista.

Scegliere la giusta fonte di energia

L’attenzione al settore dell’energia è andato via via crescendo in funzione di una serie di considerazioni diverse: molte delle fonti energetiche che siamo sempre stati abituati ad utilizzare nel tempo sono costituite da elementi esauribili. Si pensi ad esempio all’utilizzo di gas, di metano, di carbone, di legno. Si tratta di tutti elementi sicuramente presenti in natura che, col passare del tempo e con un utilizzo che è divenuto sempre più eccessivo, e talvolta scriteriato, ci costringono ad iniziare (e forse avremmo dovuto iniziare molto prima) a riflettere sul fatto che questi elementi non sono infiniti, e a ritmi così elevati non sono destinati a durare a lungo. Oltre a ciò, nel tempo si è provato a utilizzare forme di energia molto più pericolose: il pensiero va immediatamente al nucleare, e a tutti i rischi che comporta la produzione di energia nucleare. Chi non ricorda, ad esempio, ciò che accadde alla centrale nucleare di Chernobyl: un disastro che ha causato una tragedia umana e ambientale che ha avuto conseguenze e strascichi per decenni, con tantissimi morti, malattie, generazioni future compromesse e intere aree dell’Europa dell’Est totalmente invivibili per lunghissimo tempo. Tutta questa serie di considerazioni ha, fortunatamente, spostato in modo deciso l’attenzione verso nuove fonti di energia rinnovabile, in grado di produrre energia con fonti che non rischiano di esaurirsi, che siano naturali, che non causino danni all’ambiente e a tutto l’ecosistema.

Le energie rinnovabili

Le energie rinnovabili sono quelle che non solo si trovano in natura, ma soprattutto quelle le cui fonti sono praticamente inesauribili: la luce e il calore solare, il vento, la pioggia, le maree, il calore geotermico. Scegliere fonti di energie rinnovabili vuol dire essere lungimiranti, prediligendo un’energia che durerà nel tempo, attenti all’ecologia, rispettando l’ambiente che ci circonda e la Terra che ci ospita, ma soprattutto pensare al proprio benessere, anche da un punto di vista economico, considerando che questo tipo di energia non subirà impennate di costi, come accadrà per le fonti esauribili, quando le materie prime inizieranno a scarseggiare. È importante scegliere per il nostro presente ciò che, già oggi, rappresenta il futuro.

Lascia un commento