Condizionamento e riscaldamento

Climatizzatore evaporativo: cosa lo distingue da un normale condizionatore

Contenuto curato da energetico

Che cos’è un climatizzatore evaporativo? 

Valida alternativa ai classici sistemi di raffrescamento, i climatizzatori evaporativi concretizzano oggigiorno la soluzione più economica e performante per abbassare la temperatura in grandi ambienti, nei siti produttivi e in ambito agricolo. Il tutto senza il ricorso ad agenti chimici o gas refrigeranti e con la garanzia di un costante ricambio d’aria e di minime spese di manutenzione.  

Ma come funziona esattamente un climatizzatore evaporativo? Alla base di questi ingegnosi e poco costosi sistemi di raffrescamento vi è un principio fisico conosciuto sin dall’antichità: quando l’aria calda viene a contatto con l’acqua si innesca un processo di evaporazione che porta all’abbassamento della temperatura. 

E questo principio come viene applicato nel raffrescamento evaporativo? Una ventola aspira l’aria calda dall’esterno e la costringe a passare attraverso dei pannelli bagnati: l’aria cede all’acqua il proprio calore, così che l’acqua evapora e l’aria si raffresca. Nell’ambiente viene nuovamente immessa aria, che risulta filtrata da polveri e altri elementi in sospensione e rinfrescata per effetto dello scambio termico con l’acqua. 

Le differenze con un classico condizionatore 

I climatizzatori evaporativi non devono essere confusi con i classici condizionatori, concretizzandone una valida alternativa soprattutto in ambito industriale e commerciale. I climatizzatori evaporativi hanno svariati vantaggi: in primis risultano consumare fino all’80% in meno rispetto ai sistemi di climatizzazione convenzionali, con un conseguente risparmio energetico ed economico.  

Il consumo di acqua è ridotto e non viene utilizzato (e disperso) alcun liquido nocivo, con benefici tangibili anche a livello ambientale. Diversamente dall’aria condizionata (che è sempre la stessa e che viene riciclata), i sistemi di evaporazione forzano la fuoriuscita dell’aria calda e viziata. 

Ideale per grandi ambienti, il raffrescamento evaporativo non produce sbalzi climatici tra esterno ed interno e si rivela un’ottima soluzione in presenza di ambienti aperti o semiaperti. Versatili e silenziosi, questi apparecchi risultano di facile installazione, non necessitano di una frequente manutenzione e presentano dei costi di gestione molto contenuti.  

Se impiegati in ambito produttivo, questi dispositivi migliorano le condizioni lavorative in quanto offrono un ambiente più fresco e salubre. I vantaggi sono tangibili per le attività che trattano merci deteriorabili a causa del caldo e per le lavorazioni con rilascio di fumi, vapori o pulviscolo in sospensione. 

Dove installare un Climatizzatore Evaporativo 

I raffrescatori evaporativi trovano la loro collocazione ottimale in grandi ambienti, in particolare nel settore industriale e agricolo. Rappresentano la soluzione ideale da consigliare a coloro i quali sono alla ricerca di un sistema di climatizzazione ecosostenibile e a basso impatto.  

Migliorando la qualità dell’aria liberandola da odori sgradevoli, polveri, fumi e calore, i raffrescatori sono consigliati negli allevamenti e in ambito zootecnico, oltre che nei capannoni industriali di qualsiasi dimensione. In tutti questi settori, i fumi tossici, le polveri e le impurità atmosferiche vengono espulsi grazie a questi dispositivi poco ingombranti, rendendo salubre l’ambiente di lavoro. 

Il raffrescamento evaporativo mostra il suo indubbio valore aggiunto anche negli uffici, nei centri commerciali, negli ospedali e in tutte le realtà commerciali e produttive che vogliono rispettare la legislazione vigente in materia di riduzione di emissioni di carbonio nell’aria o che semplicemente vogliono raffrescare gli ambienti senza spendere cifre esorbitanti.  

In definitiva, la scelta del raffrescamento evaporativo per le più disparate realtà d’impresa si rivela una scelta lungimirante: è garantito un significativo risparmio in termini di costi e di consumi. Infatti, se posti a confronto con un sistema di condizionamento tradizionale, i raffrescatori evaporativi hanno costi di installazione e manutenzione inferiori e si connotano per i ridotti consumi energetici. 

Lascia un commento