Energia

Fotovoltaico: l’energia conveniente che traina anche l’economia

Contenuto curato da energetico

La tutela ambientale e la lotta contro i cambiamenti climatici passa inevitabilmente dallo sfruttamento delle risorse rinnovabili presenti sulla terra.

L’utilizzo di tutte le tipologie di fonti è il punto focale per raggiungere i traguardi fissati dalle direttive europee in termini di clima, anche se inevitabilmente ce ne sono alcune che sono maggiormente utilizzate rispetto ad altre.

Secondo le indicazioni dell’European Photovoltaic Technology and Innovation Platform, il fotovoltaico è la forma di generazione di energia elettrica più economica e utilizzata oggi sul pianeta.

Quest’ultima ha ampi margini di sviluppo entro il 2050, grazie alla diminuzione dei costi relativi all’installazione e la gestione di questi impianti.

Anche in Italia questa tecnologia registra dati sempre più in crescita, un settore che ha generato benefici non solo per quanto riguarda il rispetto dell’ambiente e il risparmio energetico, ma anche dal punto di vista occupazionale, con le aziende del settore che crescono e con le figure specializzate che sono oggi ancora più ricercate che in passato.

Le nuove occupazioni che ruotano intorno al settore del fotovoltaico sono stimate in circa 600 mila persone, con le previsioni per i prossimi anni che parlano di un nuovo incremento.

Con l’approvazione del nuovo decreto solare, la crescita del settore fotovoltaico subirà ora una nuova spinta, grazie anche alla ritornata possibilità d’installazione di grossi impianti non residenziali.

Negli ultimi anni, complici gli incentivi bassi, le nuove installazioni d’impianti fotovoltaici sono eseguite, per lo più, a livello residenziale, con soluzioni di piccola taglia, realizzate al fine di risparmiare sulla bolletta elettrica familiare attraverso la generazione di energia verde.

Un ambito, quest’ultimo, che registra dati in crescita, grazie all’economicità dell’energia prodotta attraverso fonte solare, alla diminuzione dei prezzi d’installazione dei pannelli e sistemi connessi, ma anche grazie all’introduzione di nuovi sistemi di accumulo che rendono tale impiantistica ancora più efficiente e conveniente.

Gli accumulatori per fotovoltaico non sono altro che grosse batterie di ricarica che vanno ad accumulare l’energia prodotta dall’impianto permettendo di utilizzare la stessa in un secondo momento, senza doverla cedere alla rete. Soluzioni come quella pensata e messa a disposizione da E.ON vanno a chiudere il divario temporale tra il picco di produzione e il picco di domanda, consentendo di utilizzare l’energia quando se ne ha più bisogno.

In questo modo, è possibile coprire almeno il 75% del fabbisogno energetico annuale di una famiglia media, e che, grazie alla tecnologia impiegata, hanno una durata stimata di oltre vent’anni, simile a quella dei pannelli solari oggi utilizzati.

Tutti questi fattori spingono le nuove installazioni d’impianti fotovoltaici, che rappresentano oggi in Italia il principale settore per la produzione di energia verde da fonti rinnovabili.

Lascia un commento