Sostenibilita

Alternative al parquet, 5 pavimenti eco-friendly

Alternative al parquet
Contenuto curato da energetico

I pavimenti in legno offrono un ottimo rapporto qualità-prezzo e, spesso,  hanno una durata veramente longeva; facili da pulire, si macchiano difficilmente, non trattengono gli odori e gli acari della polvere o eventuali allergeni, leggeri, molto flessibili, malleabili e soprattutto, eco-friendly, perchè reperiti da fonti rinnovabili e/o riciclate. Il legno, infatti, è conosciuto principalmente per essere un materiale naturale ed ecologico, oltre ad avere una caratteristica unica nel suo genere; cioè, quello di essere un ottimo isolante naturale, in grado di fornire temperature ideali in base alle varie stagioni.

Prima di scegliere un pavimento realizzato interamente con materiali provenienti da legni duri, bisogna sempre tenere ben presente la provenienza e la certificazione; in questi casi, è bene scegliere prodotti certificati dal FSC o PFEC, che vengono realizzati totalmente da legno proveniente da foreste con gestione ecosostenibile. Inoltre, è buona norma anche prendere in considerazione, tra l’ampio ventaglio di scelte, un pavimento in legno VOC, con la presenza minima o assente di composti organici volatili.

Esistono però, diverse alternative al tradizionale parquet in legno, disponibili in ulteriori tipologie di materiale, a seconda della specie di albero che si sceglie e secondo le proprie esigenze in fatto di texture, colore, aspetto, proprietà e venature. Vediamo insieme  all’azienda Gioma Srl che si occupa di pavimenti in legno a Udine quali sono:

  • Pavimenti in legno rigenerato: sono pavimenti realizzati con materiali di recupero che rispettano, comunque, le loro origini primarie; quindi, realizzati con materiali riciclati e rispettosi dell’ambiente. Non hanno nulla da invidiare al legno di prima scelta, ma le aziende che producono questi prodotti in Italia, sono relativamente poche.
  • Pavimenti in legno composito:questa terminologia si riferisce ad un tipo di legname non puro, cioè mescolato ad altri materiali. Questa tecnica viene utilizzata principalmente per risparmiare sull’utilizzo del legname, quindi, utile per un’efficienza di risorse materiali ed energetiche. Purtroppo, però ha una durata rispettivamente minore, rispetto al legno naturale, in quanto si usura in anticipo.
  • Pavimenti in bambù: il bambù è un materiale proveniente da un arbusto che si rigenera in pochissimo tempo, quasi 5 anni; caratterizzato dalla sua resistenza e solidità, questo materiale è molto in voga recentemente e risulta essere un’alternativa perfetta eco sostenibile al classico legno, perchè riesce ad equilibrare ossigeno ed anidride carbonica, nell’inquinamento dell’atmosfera naturale.
  • Pavimenti in sughero: caratteristico materiale molto leggero, il sughero, è un’eccellente alternativa al classico legno; unica pecca, il suo facile deterioramento dovuto all’usura e al tempo.
  • Simil parquet: facilmente reperibile e con un utilizzo veramente pratico e veloce, il simil parquet può essere montato e smontato in un tempo relativamente breve; purtroppo però, è realizzato con un’alta percentuale di materiali plastici.

Lascia un commento