Energia

Come disdire una fornitura del gas o della luce

Contenuto curato da energetico

Nel momento in cui si provvede alla disattivazione di una fornitura, viene effettuata la cosiddetta disdetta con suggello, che implica la chiusura del contatore. Il tutto prevede che il contatore sia sigillato così che lo stesso non possa venire impiegato fino a quando non sarà stato sottoscritto un contratto nuovo. Per altro, la richiesta di disattivazione della fornitura comporta la manifestazione dell’intento di interrompere il contratto di fornitura Enel. È possibile disattivare la propria fornitura in maniera agevole dal sito di Enel, dopo aver effettuato l’accesso all’area riservata, in modo da ottenere un bonus di 25 euro da utilizzare per sottoscrivere, entro 12 mesi, un nuovo contratto sempre attraverso il portale di Enel Energia.

La disdetta Enel Energia con Disdetteonline.it

La disdetta Enel Energia può essere effettuata anche tramite Disdetteonline.it, il portale che è nato proprio per rendere più veloci e più semplici le disdette. Su questo sito, infatti, si possono trovare lettere di disdetta precompilate per oltre 400 aziende, tra cui anche Enel Energia. Per utilizzare queste lettere non c’è bisogno di registrarsi al sito, dato che è possibile scaricarle in maniera gratuita. Tutto quel che si deve fare è individuare l’azienda a cui si desidera chiedere la disdetta per poi scegliere il prodotto adatto: a quel punto in automatico si visualizza la lettera di disdetta all’interno della quale inserire i propri dati personali.

Tutto quel che c’è da sapere sulla disattivazione

Diversi utenti si domandano se esista la possibilità di prenotare una data per la disattivazione. Ebbene, a tal proposito è utile sapere che il distributore e-distribuzione mette a disposizione il servizio di prenotazione per qualunque fornitura elettrica, a prescindere dal venditore da cui essa viene erogata. Per sapere qual è il proprio distributore di riferimento è sufficiente controllare la propria bolletta. Ma quali sono le tempistiche previste in tal senso? Nel caso della luce i tempi massimi sono pari a 7 giorni lavorativi, mentre nel caso del gas ci possono volere fino a 9 giorni. Per quel che riguarda il contratto con Enel Energia, l’efficacia del recesso cominciare nei 30 giorni successivi alla data in cui è stata effettuata la richiesta.

Quanto si spende

Una questione senza dubbio delicata e importante è quella che riguarda i costi che devono essere affrontati per la disattivazione della fornitura. Ebbene, la spesa complessiva è di 23 euro più Iva, ma ci possono essere anche dei costi fissi che vengono applicati dal distributore. L’importo viene addebitato nell’ultima bolletta che sarà spedita all’utente.

Il bonus per un nuovo contratto

Come si è detto, la disattivazione della fornitura comporta anche l’assegnazione di un bonus che potrà essere utilizzato nei 12 mesi successivi. In particolare, viene fornito un codice grazie a cui si potrà usare il bonus, la cui validità è – appunto – pari a un anno a partire dalla data in cui la fornitura si interrompe. Se si deciderà di rientrare in Enel Energia, sarà garantito un accredito di 25 euro, che verranno distribuiti in più bollette, dopo che sarà stato stipulato un contratto di gas o luce riguardante un cambio di fornitore, un subentro o una prima attivazione. Il bonus è valido per qualunque offerta di Enel Energia, eccezion fatta per E-Light gas, E-Light, Sempre con te Gas e Sempre con te. Inoltre, non si può cumulare il bonus con eventuali altre promozioni in corso.

Che cosa bisogna fare per disattivare la fornitura

Solo il cliente titolare del contratto di fornitura può inoltrare ed effettuare la richiesta di disattivazione. I canali che possono essere utilizzati a questo scopo sono molteplici: per esempio, si può andare in uno Spazio Enel, oppure si può agire direttamente da casa, o comunque da remoto, tramite il sito di Enel: una volta effettuato il login all’area riservata compilando il form di autenticazione, è sufficiente seguire le istruzioni fornite. Infine, la procedura può essere completata anche al telefono, chiamando dall’Italia il numero verde gratuito 800 900 860.

Lascia un commento