Energia

Edison Pulse, il contest per le startup che premia l’innovazione

Edison Pulse
Contenuto curato da energetico

Le idee innovative sono essenziali per lo sviluppo di un Paese come l’Italia, in particolare in ambiti come l’efficienza energetica, la domotica, la vendita di prodotti online e la prevenzione relativa a eventi drammatici come il terremoto, un problema che riguarda gran parte della nostra penisola.

Il concorso Edison Pulse, giunto alla fase delle votazioni finali, è nato proprio per premiare le idee più efficaci nei settori citati, coinvolgendo le startup, i team informali composti da almeno 3 persone e le imprese sociali.

Le categorie del contest rispecchiano i temi decisivi per il futuro del Paese: Energia, inteso come l’ambito di produzione, stoccaggio risorse e smart city; Smart Home, ovvero la gestione intelligente dell’ambiente domestico tramite device connessi fra loro; Consumer, l’ambito rivolto alle soluzioni più efficienti per il customer care, gli e-commerce e per il coinvolgimento di consumatori B2B e B2C; Ricostruzione Sisma, categoria dedicata esclusivamente alle imprese che propongono soluzioni sostenibili e all’avanguardia per la ricostruzione nei luoghi colpiti da eventi sismici.

I premi del concorso Edison Pulse

Il concorso mette in palio un premio monetario di 200.000 euro (50.000 euro per categoria), un programma di supporto e di incubazione di 4 settimane, allo scopo di concretizzare i progetti presentati, e una campagna di comunicazione, fondamentale per la divulgazione e la promozione dei progetti vincenti.

La prima fase si è svolta all’inizio dell’anno in 4 tappe, con l’obiettivo di presentare il concorso e raccontare le storie delle startup italiane che ce l’hanno fatta e che hanno attirato interesse al di fuori del contesto locale.
Padova, Torino, Palermo e Rieti sono le città che hanno ospitato Edison Pulse, consentendo di far conoscere il contest in tutta Italia, anche grazie a numerosi articoli pubblicati su quotidiani e magazine specializzati.

Terminata la fase di iscrizione dei progetti, il 28 aprile è iniziata la fase di valutazione che si concluderà entro il 18 maggio; alla fine del mese saranno selezionati i 16 finalisti (4 per categoria) e i 4 progetti più votati dagli utenti sul sito di Edison Pulse.
Sempre a maggio è previsto l’incontro fra i finalisti e la giuria, occasione in cui i partecipanti potranno presentare dal vivo il proprio progetto in un pitch di 4 minuti e la giuria decreterà il vincitore in ogni categoria.

La categoria di cui si è discusso maggiormente è quella riguardante la Ricostruzione Sisma, a causa dei drammatici eventi sismici che hanno colpito l’Italia centrale da agosto 2016 a oggi.
L’obiettivo dei progetti partecipanti in questa categoria dovrebbe consistere nella promozione turistica e culturale dei territori e nell’implementazione di soluzioni di pubblica utilità per la prevenzione e la gestione delle emergenze.

A questo proposito, va ricordato che Edison è stata presente da subito nelle zone colpite dal sisma, dando supporto alle popolazioni e coordinandosi con Unindustria, Protezione Civile, Regione Lazio e autorità locali, per portare un sostegno concreto nella fase di maggiore emergenza.

Per questo Edison ha donato tre container per uso abitativo ad Amatrice e Accumoli, rifornimenti di generi alimentari e le luminarie per gli alberi di Natale, oltre a una raccolta fondi tra i dipendenti in favore del centro educativo di Save the Children ad Amatrice.

Tecnologia, innovazione e solidarietà sono strettamente legati in questo contest, una preziosa opportunità per le startup che vogliono mettere le proprie idee al servizio di un Paese migliore per tutti.

Lascia un commento