Condizionamento e riscaldamento

Sistemi di riscaldamento ad aria: i tubi per la canalizzazione dell’aria calda

Contenuto curato da energetico

La microforatura del tessuto, i diffusori di aspirazione, le fibre continue e i condotti tessili di forma quadrata sono alcuni dei fiori all’occhiello dell’attività di Prihoda, azienda ad elevato tasso tecnologico che da quasi 30 anni vanta competenza e qualità nel settore dei diffusori tessili. Alla base del successo di questa società c’è uno staff di professionisti qualificati e di lavoratori pieni di talento. Prihoda è nata in Repubblica Ceca, nella città di Hlinsko, ma da lì si è diffusa in tutto il mondo, Italia compresa.

I tubi per la canalizzazione dell’aria calda

I tubi per la canalizzazione dell’aria calda non sono altro che dei condotti progettati e realizzati in maniera specifica per prelevare l’aria calda in arrivo da una caldaia, da una stufa a pellet o da qualsiasi altra fonte di calore per trasferirla nei locali della casa (o di qualsiasi altro edificio). Ci sono diverse tipologie di tubi, differenti gli uni dagli altri a seconda dello spessore del materiale e del diametro. La messa in posa prevede un collegamento con la fonte di calore: dopodiché i vari condotti potranno essere diramati nei locali.

Perché scegliere i tubi per la canalizzazione dell’aria calda

Sono numerosi i vantaggi che derivano dalla scelta delle condotte aria calda: per esempio è possibile tenere sempre la stessa temperatura nei vari locali di un edificio. Non va sottovalutato, poi, il discorso della convenienza economica: il risparmio è concreto in quanto si impiegano non più di due fonti di calore. A volte ne basta persino una: dipende tutto dalle dimensioni dell’edificio. Infine, è utile sottolineare che tale sistema permette di stabilire in quali punti far fluire più aria calda e in quali punti ridurla in base alle necessità.

I kit di distribuzione dell’aria calda

Per fare in modo che l’aria calda possa giungere nei vari ambienti in maniera rapida e pratica si utilizzano dei sistemi ad hoc: i kit di distribuzione di aria calda. In commercio si possono trovare diversi tipi di kit: la differenza tra le varie proposte è da ricondurre soprattutto alla fonte del calore e alla potenza della pompa. Per ciò che riguarda le fonti di calore, si può spaziare dai termocamini alle stufe a pellet: tutto dipende dal luogo nel quale il kit dovrà essere installato.

La procedura di realizzazione di un kit di distribuzione di aria calda

Per costruire un kit di questo tipo è necessaria una pianificazione oculata dei vari componenti: è fondamentale che, dopo che saranno state installate, esse corrispondano in maniera corretta. In seguito viene effettuata la costruzione vera e propria: si ricorre a questo scopo a lamierati in acciaio inox di vari spessori, i quali vengono piegati in modo da ottenere la forma auspicata. A volte si può ricorrere a condotti in tessuto speciale, un materiale che è in grado di resistere alle temperature più elevate che derivano dalla fonte di calore più importante.

Gli ambiti di applicazione

Nella maggior parte dei casi tali kit vengono installati nelle abitazioni private, nei locali commerciali e negli uffici pubblici. Come è facile intuire, per provvedere alla posa è necessario l’intervento di uno staff qualificato che si occuperà non solo di installare i vari componenti, ma anche di collaudarli. Si possono installare i kit di riscaldamento dell’aria anche nelle fabbriche e nelle grandi aziende, in modo che le persone abbiano la possibilità di rimanere al caldo e di beneficiare di un comfort ottimale anche durante la stagione invernale. Al tempo stesso, i titolari hanno modo di ammortizzare le spese necessarie per il riscaldamento usando per l’intero stabile una fonte di calore.

Lascia un commento