Energia

NEON A LED: RISPARMIO E INNOVAZIONE

Neon a led
Contenuto curato da energetico

Gli innovativi neon a LED, ottimizzano i costi energetici se paragonati con i tradizionali neon fluorescenti.
I neon tradizionali che tutti conosciamo, sono quei tubi fluorescenti che danno vita ad una luce fredda rispetto a quella generata da una normale lampadina, ma vengono scelti perché economicizzano il consumo di energia elettrica. Il problema è che si rompono con una certa facilità e, soprattutto per ambienti di lavoro come quelli che si trovano all’interno di capannoni industriali, la loro sostituzione implica l’impiego di carrelli elevatori non sempre facili da avere già ‘in casa’. Ciò vale anche per una normale manutenzione che, volenti o nolenti, occorre assicurare a tutti i punti luce per monitorarne lo stato.
Lampadadiretta.it è il sito di un’azienda che commercializza anche soluzioni alternative come i recenti neon a LED che incarnano al giorno d’oggi, la miglior risposta alle esigenze di chi vuole soddisfare la propria necessità di illuminazione badando anche alla gestione del risparmio.

Un deciso passo avanti verso il risparmio

Qualcuno scuoterà la testa pensando che cambiare i vecchi tubi al neon per sostituirli con quelli al neon a LED, rappresenti una immotivata spesa che si può rimandare sine die.

Chi ha questa convinzione è bene che continui a leggere queste annotazioni che cercano di far chiarezza circa la vera convenienza a proposito di lampade al neon.
Infatti i tubi al neon a LED sono la vera risposta che si può dare per contrastare l’eccesso di spese di gestione. Se è pur vero che all’atto dell’acquisto il tubo al neon fluorescente viene offerto con un prezzo inferiore a quello a LED, occorre tener presente che quest’ultimo ha un consumo di watt molto inferiore rispetto a quello derivante da un neon a fluorescenza, il che si traduce in un risparmio energetico ma non solo. I neon a LED hanno una durata decisamente superiore rispetto a quelli tradizionali e questo significa risparmio sia sui costi di manutenzione che su quelli dell’eventuale sostituzione.

Un esempio che testimonia l’oggettivo risparmio dei neon a led

Prendendo ad esempio il modello Philips LEDtube InstantFit HF T8 Ultra Output si potrà constatare che il suo consumo è di 16,5 W contro i 36 W di un neon fluorescente.
Inoltre la durata è quasi tre volte quella di un neon tradizionale dal momento che è garantita per un uso di ben 40 mila ore contro i 15 mila di un neon standard.
Il neon a LED può essere utilizzato in tutti gli ambienti anche se ci sono modelli specifici indicati tanto per illuminare il settore alimentare quanto per aree particolarmente fredde.
E’ necessario tenere in debito conto la lunghezza ed il wattaggio occorrente che sono tra loro correlati ed è fondamentale controllare la lunghezza e che sia della potenza adatta.

Laddove l’impianto funzionasse con il ballast tradizionale è preferibile sostituire lo starter ogni qualvolta si sostituisce il tubo LED al fine di aumentare di ¼ la vita dello stesso.
Si suggerisce scegliere 3000K per avere una luce bianca neutra ideale per sale conferenze e riunioni; 4000K che consentono una luce bianca fredda, ideale per coadiuvare la concentrazione di chi lavora all’interno di quell’ambiente; di 6500K adatta ad illuminare magazzini e palestre.

Lascia un commento